L articolo che tutt* aspettavate😍, nonché quello che mi crea più ansia da prestazione in quanto non è semplice rendere a parole ció che seguirà, ovvero il frutto di conoscenze apprese in mesi e mesi di percorso incentrato sulla alimentazione.

Non solo, sono appunto nozioni apprese, e vorrei che questo fosse ben ben chiaro: NON HO UN TITOLO DI STUDIO SULLA ALIMENTAZIONE, quindi per favore prendete i miei come semplici consigli dati da quell’amica che sa qualcosina in più sull’argomento.

Ok? Grazie ❤.

Premesso questo, avrete visto che nei giorni scorsi vi ho pubblicato dei comodi schemini esemplificativi che ora andrò a spiegarvi nel dettaglio, portando anche dei miei pasti per rendere la cosa a livello visivo.

Spero vi possa davvero essere di aiuto. Qualsiasi cosa, sapete dove contattarmi😘.

CREA IL TUO SPUNTINO 

Per spuntino intendo tutti quei pasti che non sono principali e ovvero: colazione, spuntino di metà mattina, merenda, spuntino di metà serata.


Crea la tua colazioneCome potete vedere,  questo schema é strutturato per la colazione; ma come vi dicevo vale anche per tutti i vostri infraSpuntini. Cosa cambia? Le quantità.

Qui di seguito una colazione, subito sotto, uno spuntino.

Colazione post-workout

Spuntino di metà mattina (ricetta qui)

Quindi cosa bisogna fare?

Mettersi lì, ogni mattina o la sera prima a pensare mentalmente a ciò che mangerete il giorno seguente. Niente di trascendentale, sono la prima che non ci perde le ore, semplicemente faccio mente locale a questo schema e penso a ciò che la mia dispensa e frigo possono offrire e via: kamut soffiato, fage total zero, una albicocca, del fondente e una spremuta; come segue qui:

Vi riporto alcuni altri esempi così ogni volta che sarete in difficoltà potrete venire qui e ricordarvi a livello visivo quanto potete fare :).

1) lunedì

2) martedì

3) mercoledì 

4) giovedi

5) venerdì

6) weekend (1 giorno di colazione libera= cappuccio e croissant al bar 😍) (ricetta qui)

CREA IL TUO PASTO

E per i pasti principali?! Pranzo e cena come li strutturiamo? Semplicemente proprio così come fatto per le colazioni… con la differenza che qui dobbiamo considerare anche il piatto, per capire in quale modo suddividerlo, sulle basi delle vostre diete.

Esempio. Nutrizionista (o chi per esso) vi ha dato un pasto con 70 gr di pasta, 1/2 cucchiaio di olio, 100 gr di zucchine e 60 gr di ceci?

Ecco cosa può diventare:

70 gr di farfalle, 1/2 cucchiaio di evo, 100 gr di verdure miste ( qui peperoni, pomodori, barbabietole e insalata) e 60 gr di piselli.

O anche:

70 gr di riso, 100 gr di zucchine e insalata, 1/2cucchiaio di olio, 60 gr di salmone.

O ancora:

140 gr di wasa ,100 gr di verdure miste, 60 gr di stracchino, 1/2 cucchiaio di evo.

Insomma, le alternative sono davvero tante.

E come poter ricordare il tutto? Anche in questo caso ho uno schema intuitivo e immediato:

Ricordando sempre che per la scelta di cereali, si consigliano quelli poco raffinati (farine tipo 2, o integrali o di farro, avena, riso ecc, paste e riso integrale, pane integrale o di segale, e via dicendo), per la scelta di zuccheri quelli integrali (di canna integrale) e verdura e frutta di stagione (*di questa vi lascio a fine articolo la stagionalita che ho anche essa riportato a schema, a differenza delle verdure che ormai risultano meno soggette) e pesce e carne fresca e magra.

Sperando di aver chiarito qualche interrogativo, vi rimando al mio profilo pubblico su Facebook dove farò ciclicamente delle dirette in cui risponderò a tutte le vostre domande. (Qui)

Un bacione grande.

*stagionalita di frutta

Ilaria e Diego